Marco Giusti

Marco Giusti, ingegnere e dirigente tecnico della Utility energetica AGSM AIM di Verona; insegna Public Management all’Università di Verona ed è il progettista degli impianti eolici di Rivoli e di Affi.

Giovanni Donadelli

Giovanni Donadelli è dottore di ricerca in geografia, insegnante e formatore.

Ha contribuito a realizzare il primo Museo di Geografia d’Italia presso l’Università di Padova, di cui oggi è il curatore.

Dal 2014 è consigliere nazionale dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG). Si occupa di geografia, educazione e divulgazione scientifica e collabora con vari editori del mondo della scuola.

Anna Giatti

Nata a Firenze, Anna Giatti è restauratrice qualificata per il settore Strumenti e strumentazioni scientifiche e tecniche e curatrice presso la Fondazione Scienza e Tecnica dove si conservano collezioni scientifiche di interesse storico provenienti dall’antico Istituto tecnico fiorentino.

Laureata in Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali e co-coordinatrice del Gruppo di lavoro “Restauro nei musei scientifici” dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici, è impegnata da sempre anche sul fronte della catalogazione del patrimonio scientifico e tecnologico.

Con l’intento di promuovere l’interesse del pubblico verso un patrimonio meno conosciuto ma molto ricco di valore culturale e di collegamenti con la vita di tutti, ha maturato esperienze anche
nell’ambito della divulgazione e dell’educazione museale.

Cristina Sabbioni

Ricercatore Associato Senior presso l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, diretto dal 2010 al 2018, e professore di Fisica Ambientale all’Università di Bologna.

I suoi principali interessi scientifici riguardano l’impatto del clima e dei multi-inquinanti sul patrimonio culturale, la valutazione del rischio e le strategie di adattamento, i cui risultati sono stati presentati a conferenze internazionali e pubblicati in riviste scientifiche internazionali (230 articoli).

Dal 1984 ha partecipato e coordinato progetti di ricerca nazionali e comunitari sui processi di degrado del patrimonio culturale. In particolare:

la Struttura di Coordinamento dell’Iniziativa di Programmazione Congiunta (JPI) “Cultural Heritage and Global Change: a new Challenge for Europe” coordinata dall’Italia con la partecipazione di 18 Stati Membri dell’UE e Paesi Associati (2010-2018);

la Task Force Copernicus Cultural Heritage formalizzata della Commissione Europea e coordinata dal Ministero della Cultura Italiano (2018-2020);

il gruppo di esperti del Consiglio dell’UE su “Rafforzare la resilienza del patrimonio culturale per i cambiamenti climatici” (2021-2022)

Antonio Disi

Architetto, ricercatore all’ENEA, studioso di efficienza energetica e cambiamento comportamentale. In qualità di esperto svolge attività convegnistica e formativa e partecipa a trasmissioni radio e TV.
Ama sperimentare nuovi linguaggi per raggiungere il grande pubblico ed è autore di pubblicazioni scientifiche e a carattere divulgativo.

Libri
Ogni kilowatt conta (2015), 10 kilowatt (2016), Risparmiare energia for Dummies (2017), Storie di ordinaria energia ( 2017), Cambiamento comportamentale ed efficienza energetica (2017), Risparmio energetico nel condominio (2019), Scrivo Racconti solo per non pagare le bollette della luce ( 2020), Guida alla riqualificazione energetica del condominio (2022)

Massimiliano Razzano

Professore associato al Dipartimento di Fisica dell’Università di Pisa, si occupa di onde gravitazionali e di astrofisica delle alte energie. Partecipa alle collaborazioni scientifiche dei rivelatori di onde gravitazionali Virgo ed Einstein Telescope e dell’osservatorio spaziale per raggi gamma “Fermi”. Giornalista scientifico, si occupa di divulgazione scientifica collaborando con diverse testate. Da alcuni anni si occupa di citizen science, partecipando al progetto europeo REINFORCE e coordinando il progetto GWitchhunters, inaugurato nel 2021 e mirato a coinvolgere i cittadini nella ricerca in fisica delle onde gravitazionali.

Nel 2021 ha pubblicato “Ascoltare il cosmo. Le frontiere dell’astrofisica dai neutrini alle onde gravitazionali” (Carocci Editore).

Pirous Fateh-Moghadam

Pirous Fateh-Moghadam, laureato in medicina e chirurgia e specializzato in Igiene e Medicina preventiva presso l’Università di Bologna, master universitario di II livello in Epidemiologia Applicata presso l’ISS/Università Tor Vergata di Roma. Dal 2001 lavora all’APSS di Trento.
I suoi interessi professionali maggiori sono il monitoraggio della salute e dei fattori che la determinano ponendo attenzione anche alle disuguaglianze sociali nella salute e alle relazioni tra salute e sostenibilità ambientale.

Guido Poli

Laureato in Medicina e Chirurgia a Ferrara (1982), inizia a fare ricerca su HIV/AIDS nel 1984 nel laboratorio d’Immunologia Umana diretta da Alberto Mantovani all’Istituto per le Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano. Dal 1986 al 1993 è visiting scientist nel Laboratory of Immunoregualtion, diretto da Anthony S. Fauci all’NIAID, NIH. Bethesda, MD, USA. Dal 1994 dirige l’Unità d’Immunopatogenesi dell’AIDS all’IRCCS San Raffaele di Milano. Nel 2002 è assunto come professore associato di Patologia Generale presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, promosso a professore ordinario nel 2016. È autore di oltre 250 pubblicazioni scientifiche, per la maggior parte dedicate alla patogenesi dell’infezione da HIV, per un IF complessivo >1.250 e un indice h di 55 (fonte: ISI)

Marco Bartoli

Nato a Mantova nel 1967, è docente di Ecologia presso il Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale dell’Università di Parma. Le materie di insegnamento riguardano la gestione delle risorse idriche, le relazioni tra biodiversità e funzionamento degli ecosistemi e la bioindicazione. Un corso, monografico, è interamente dedicato all’analisi di processi, funzioni e pressioni nel bacino del fiume Mincio.
Marco Bartoli è un biogeochimico interessato al modo in cui le pressioni antropiche alterano il funzionamento degli ecosistemi acquatici. I temi di ricerca riguardano i flussi di energia e i cicli biogeochimici di elementi come carbonio, ossigeno, azoto, fosforo e silice lungo gradienti da sistemi terrestri a sistemi marino-costieri. In questo ambito, ha partecipato a diversi progetti di ricerca nazionali e internazionali ed è autore o coautore di oltre duecento lavori pubblicati su rivista, atti di congressi nazionali e internazionali e report scientifici di pubblico dominio. Accanto all’attività didattica presso atenei e master, svolge un’intensa attività di divulgazione scientifica e di trasferimento dei risultati delle ricerche a livello locale.

Massimo Trotta

Massimo Trotta è chimico e si è formato fra l’Università di Bari, l’Università di Bologna e l’Università della California a San Diego. È stato eletto presidente della Società Europea di Fotobiologia e sarà in carica dal 2023. Svolge la sua attività scientifica presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche e si occupa da sempre di fotosintesi e delle sue possibili applicazioni ambientali ed energetiche.

Deve la sua fascinazione per questo processo biologico alle troppe letture infantili, ai bimbi sperduti che con Peter Pan dormono nei buchi scavati negli alberi e a Mastro Ciliegia che trasforma un pezzo di legno in Pinocchio.

Ha pubblicato oltre 100 articoli scientifici su riviste internazionali e dal 2014 è nell’editorial board della rivista “Sapere”. Ha ricevuto la medaglia d’oro Domenico Marotta della Società Chimica Italiana e il premio Cozzarelli dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti. Si diverte a tenere conferenze di divulgazione scientifica nelle scuole e per il grande pubblico.